Equilibrio – Capitolo 13

L’adrenalina che ti scorre nelle vene ti ha distratto dall’odore che ti scivola incontro.
Dal pavimento della cucina, una pozza di sangue si allunga,
millimetro dopo millimetro, tingendo di rosso le mattonelle.
Sembra una mano che si protende verso di te.
Accelera rapidamente nelle fughe.
Il rivolo disegna una sentiero.
Lo segui a ritroso con lo sguardo.
Fino a dove mi hai lasciata.
“C****. C****!”
Questa volta non puoi alzare la voce per imprecare.

Questa volta non ti puoi permettere nessun impeto di rabbia.
Questa volta ti infili le mani tra i capelli.
Ed i tuoi occhi si assottigliano mentre stringi la presa.

The show won’t go on, Tom.
Devi fare piano. Piano e continuare a mantenere la calma.
Sei bravissimo, no ?
Altrimenti, in questo silenzio surreale, ti sentiranno i vicini.

Adesso finalmente sono io quella che puó gridare.
Lo faccio con tutto il fiato che ho.
Perchè adesso che ti assale la paura, io non ne sento più.

Come un miracolo, da quando ho capito che ti avrebbero scoperto,
la fragile Kate ha smesso di esistere.

Anna_X

Share :

Twitter
Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il dono di Verdacqua

Ho un sogno: parlare di felicità ai bambini e sono a un passo dal realizzarlo. Ti ho scelto per sostenermi: con il tuo aiuto pubblicheremo la mia fiaba e costruirò un progetto di volontariato dedicato ai più piccoli.