Equilibrio – Capitolo 17

E’ un caso eclatante di femminicidio.
Reese può contare su prove inconfutabili: un cadavere occultato in un freezer ed una testimone oculare che di lì a poco farà deporre per una dichiarazione.
Sono sufficienti a chiudere il caso in una manciata di minuti.

Me è fondamentale avere una descrizione minuziosa dell’accaduto.
Per non destare alcun sospetto.
Perchè Reese, in realtà, ha atteso il tuo rientro in seguito alla chiamata ricevuta in ufficio nel primo pomeriggio. Ma nessuno dovrà mai saperlo.

Al limite del suo campo visivo l’agente scorge un’ombra che si muove incerta nella sua direzione.
“Si fermi dov’è. Ci sono già io sufficientemente nei guai”.

E’ Martha dell’interno 3.
Che non risponde a Reese. Ma fa un passo indietro.
Osserva la scena senza battere ciglio.
Cerca di elaborare. In bilico. Tra l’ansia, la rabbia e lo sgomento.

E’ stata lei a chiamare la polizia.
A raccontare molte cose a quell’agente calmo e determinato ad aiutarla.

Reese aveva compilato una lunga scheda di profilazione di questo caso di percosse.
“Se lei mi aggiorna costantemente studierò per bene le mosse di Tom. Prima o poi finirà per commettere un errore. Ed io sarò lì per strappare dall’inferno quella povera ragazza.”

Share :

Twitter
Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il dono di Verdacqua

Ho un sogno: parlare di felicità ai bambini e sono a un passo dal realizzarlo. Ti ho scelto per sostenermi: con il tuo aiuto pubblicheremo la mia fiaba e costruirò un progetto di volontariato dedicato ai più piccoli.