Equilibrio – Capitolo 19

L’agente tiene in mano un trofeo con il basamento di marmo.
Era sulla libreria in soggiorno.
E Reese lo ha notato subito.
Ecco perchè gli è venuta questa idea.

L’incisione è intitolata a tuo padre.
L’ha conquistato ad un’importante gara di pesca.
La sua grande passione.

La stessa sera lo avevi raggiunto per festeggiare insieme.
Dopo una lunga giornata di lavoro.
Da due settimane ti avevano promosso direttore.
Facevi piuttosto tardi.
Avevi lasciato l’ufficio di buonumore.
Non vedevi l’ora di arrivare da lui.
Ne eri così fiero.

Gli avevi fatto molti complimenti: “papà la tua dedizione è un esempio per me.
Come fai a resistere a tutto quel freddo?
Questo è stato uno degli inverni più rigidi che io ricordi.”

Ma lui aveva messo il trofeo sul tavolo.
Di fronte a te.
E ti aveva risposto: “questo trofeo è tuo ora Tom.
Perchè sei tu la mia vittoria.
Tu hai resistito a qualcosa di molto più grande di questo freddo.”

Ora Reese lo porge a Martha.
“Lo so che finalmente lo abbiamo incastrato.
Ma ci sarebbe servito un mandato. Quindi ora tocca a lei sistemare le cose”.
Le spiega che dichiarerà di aver avuto una colluttazione con Tom.

“Chiuda gli occhi.
E immagini che io sia lui”.
Martha si irrigidisce.
Il freddo del marmo è una sensazione strana.
Non sa bene da che parte reggerlo.

Sempre in silenzio, pensa a me.
Poi riapre gli occhi.
Ed esegue l’ordine.

Anna_X

Share :

Twitter
Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il dono di Verdacqua

Ho un sogno: parlare di felicità ai bambini e sono a un passo dal realizzarlo. Ti ho scelto per sostenermi: con il tuo aiuto pubblicheremo la mia fiaba e costruirò un progetto di volontariato dedicato ai più piccoli.