Acrobati

Tutto ciò che faccio, scrivo, creo, posto, dico è dedicato a qualcuno là fuori.
Qualcuno che come me ama la vita ma conosce i suoi momenti più oscuri.
Ho vissuto e vivo varie esperienze del dolore.

Non ti parlo di uno soltanto e mantengo ancora dei segreti perchè non è per me che sono qui. Ma per chi ha un disperato bisogno di aiuto e chi non si rende conto di quanto può darne.
Voglio connettere. Far fiorire nuove possibilità.
Allo stesso tempo me ne sto ferma immobile al mio posto.
Perchè la parola SUPERARE e GUARIRE significa in primis fare qualcosa per noi stessi.

Sono pronta ad andare e aiutare dall’altro capo del mondo, senza badare a che ora o giorno sia. Ma allo stesso tempo esorto a fare passi. Da soli. Ed alzare la voce.
Altrimenti resterà solo un sussurro che prontamente verrà ignorato da chi non vuole ascoltare.

Ogni volta in cui ho scritto e pubblicato qui sulla mia pagina un capitolo del mio racconto “L’equilibrio” l’ho fatto pensando ad ogni persona che subisce. Umilizione, ricatto, violenza, assoggettamento.
Donne, uomini, ragazzi, bambini.
A chi non può reagire a causa di qualcosa di più forte che inspiegabilmente annienta l’istinto di sopravvivenza.

Sì, mi sono sempre chiesta come sia umanamente possibile. Non vedere l’ingiustizia di questi processi.
Fino a che sono scivolata con la mia storia in una situazione simile a quelle che sento raccontare.
Ho capito che avviene tutto nel silenzio. E ad un certo punto non si sente più nulla.

Se è successo a me capisco benissimo che succeda ad ogni persona che in certi disastri ci NASCE.
Che non conosce altri modi di vivere. Chi nasce in una situazione di dolore non può capire la differenza tra stare male e stare bene. Perchè il bene non lo conosce.

Farò la mia parte portando non solo speranza. Ma felicità da toccare con le mani. Di cui innamorarsi.
Per riaccendere la luce nel tunnel. La nostra.

Come un acrobata eseguo numeri magici allontanando il dolore e danzando nella felicità. Te li farò vedere tutti.
Finchè troverai quello che farà tornare a sorridere anche te.
Questo spazio comincia ad essere stretto. Mi sto organizzando per averne di più.
Per averne tanti. Devo incontrare e trasformare speranze in gioia vera.

Anna_X

Share :

Twitter
Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il dono di Verdacqua

Ho un sogno: parlare di felicità ai bambini e sono a un passo dal realizzarlo. Ti ho scelto per sostenermi: con il tuo aiuto pubblicheremo la mia fiaba e costruirò un progetto di volontariato dedicato ai più piccoli.