Pills – Lasciare

Ti dirò una cosa che ti farà ridere.
Oppure che ti farà piangere.
Dipende da quando la tua vita è stata serena rispetto alla mia.
O da quanto ci somigliamo.

Ho cominciato a scrivere su un file con una password di accesso.
Mi mettevo al computer solo se nessuno era in casa.

Guardavo ogni parola dall’alto in basso .
Come un insegnante severa, pronta a valutare nel modo più critico, quasi spietato, quello che mi usciva dalle mani.
Non volevo farlo di lasciarmi andare.
Per anni avevo scritto e riletto i miei pensieri per considerarli irritanti e cestinarli. Rifiutarli.

Ma ora dovevo scrivere e non solo per me.
Per qualcuno che stimavo e che mi aveva detto”ti prego racconta la tua storia.
Può aiutare qualcuno, forse tanti”.
“Ma come posso?” mi chiedevo io che non vedevo niente di buono in ciò che sono e che ho fatto.

Sulla fiducia. Scrivevo. Più che altro piangevo e scrivevo.
E nel farlo ho compreso quanto spirito e coraggio ci vogliono a riuscirci.
Da allora leggo ogni libro, messaggio o post con occhi diversi.
Grati.
Dietro alle parole che si scrivono ci sono decisioni sofferte e pezzi di cuore che sono per me un’unica cosa: un grande regalo.

Anna_X

Share :

Twitter
Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il dono di Verdacqua

Ho un sogno: parlare di felicità ai bambini e sono a un passo dal realizzarlo. Ti ho scelto per sostenermi: con il tuo aiuto pubblicheremo la mia fiaba e costruirò un progetto di volontariato dedicato ai più piccoli.